mercoledì , 16 giugno 2021
Ultime News
Home » 2012 (pagina 6)

Archivi annuali: 2012

“Da quel giorno un calvario di 34 operazioni” gli anni di piombo senza fine di Antonio Iosa

ROMA – «Il terrorista mi puntò la pistola alla testa. Lo implorai di risparmiarmi, ché avevo moglie e figli piccoli. Mi rispose: “Inginocchiati, stronzo”. Poi mi sparò alle gambe, allora pensai: “Ora muoio”». Per Antonio Iosa gli anni di piombo non sono mai finiti: è appena uscito dall’ospedale Niguarda, reduce dall’operazione numero 34 dalla sera dell’ agguato, il 1° aprile ... Continua a leggere »

Giorno della memoria dedicato alle vittime del terrorismo e delle stragi di tale matrice – Programma

ELEBRAZIONI 9 MAGGIO 2012 GIORNO DELLA MEMORIA DEDICATO ALLE VITTIME DEL TERRORISMO E DELLE STRAGI DI TALE MATRICE – PROGRAMMA Ore 9 – Chiesa di S. Fedele piazza S. Fedele, 4 Milano : CELEBRAZIONE S. MESSA dedicata alle vittime Ore 9.45 – Sala Alessi Palazzo Marino Piazza della Scala: PROIEZIONE DEL FILM “ ANNI SPIETATI – Milano 1969-1982 Ore 18. ... Continua a leggere »

Genova, si indaga per terrorismo un superstite ha visto chi ha sparato

Genova — Il sorprendente silenzio degli attentatori è a suo modo un messaggio, che rende la sfida criminale ancora più complicata. Chi ha gambizzato il manager dell’Ansaldo? Ieri la procura di Genova ha aggiunto al fascicolo per lesioni, aperto subito dopo il ferimento di Roberto Adinolfi, un’aggravante che è una risposta: «finalità terroristiche». Si indaga ufficialmente sull’arcipelago brigatista, perché la tecnica e ... Continua a leggere »

La rivendicazione mancata e quella fuga piena di rischi le anomalie dell’attentato

Roma — A quarantotto ore dall’agguato, la notizia è quello che innanzitutto ancora manca in questa storia. Una rivendicazione . Che la logica e il “format” cui ha abituato la storia della violenza politica in questo Paese volevano dovesse arrivare in un tempo ragionevole. E che ora ragionevole comincia a non esserlo più. «Ogni ora che passa— ragiona una fonte qualificata della ... Continua a leggere »

Il rischio di sottovalutare un allarme

C’è una certa sottovalutazione dell’attentato all’amministratore delegato dell’Ansaldo Nucleare Roberto Adinolfi. La notizia è spesso regalata in seconda o terza fila. Sbaglieremo, ma ci pare non sia stata colta la gravità dell’accaduto. Forse un primo motivo di questa, chiamiamola così, scarsa attenzione, sta nel fatto che l’attentato non ha avuto gravi conseguenze. Adinolfi è stato ferito solo di striscio. E ... Continua a leggere »

“Giorno Della Memoria Delle Vittime Del Terrorismo – 18,30 CERIMONIA DEPOSIZIONE CORONA AL MONUMENTO “L’UOMO DELLA LUCE”

9 Maggio “Giorno Della Memoria Delle Vittime Del Terrorismo – 18,30 CERIMONIA DEPOSIZIONE CORONA AL MONUMENTO “L’UOMO DELLA LUCE” L’Associazione Italiana Vittime del Terrorismo esprime il suo riconoscente pensiero alla Provincia di Milano per avere istituzionalizzato il “ 9 Maggio, quale Giorno della Memoria di tutte le vittime del terrorismo e di stragi di tale matrice”. Non siamo di fronte ... Continua a leggere »

«Lo stesso odio degli anni bui di Genova»

GENOVA – «Ancora una volta colpiscono un simbolo: un manager, Ansaldo Nucleare, Finmeccanica». Con la notizia del ferimento di Adinolfi, Carlo Castellano rivive una vecchia angoscia mai sopita. Ricorda quando, il 17 novembre 1977, fu ferito con otto colpi di pistola al bacino e alle gambe da un commando delle Brigate rosse mentre rientrava a casa in via Corsica, dopo ... Continua a leggere »

Ora il Viminale teme altri attentati «Scorte da rivedere»

Roma —  Le parole del ministro Anna Maria Cancellieri, che a metà pomeriggio «esclude la pista personale», danno il senso di una giornata che al Viminale che la minaccia terroristica sia ormai ritornata realtà. Perché nonostante l’assenza di una rivendicazione e il fatto che la dinamica dell’agguato lasci analisti accreditano subito l’ipotesi eversiva. E si spingono sino a dire che a ... Continua a leggere »

Quelle frasi del terrorista dalla cella «Il momento è buono per agire»

«Genova ferito alle gambe dirigente Ansaldo». Era un titolo che ricorreva nei notiziari di trentacinque anni fa, è un titolo di ieri. Allora erano le Brigate rosse, ieri non si sa. Allora si sparava quasi ogni giorno e non era difficile individuare la ragione dei proiettili, bisognava solo mettere le mani su chi faceva fuoco; oggi quei colpi di pistola ... Continua a leggere »