lunedì , 18 giugno 2018
Ultime News
Home » Articoli di giornale » Articoli vari » Terrorismo, le famiglie delle vittime ancora aspettano la legge «dimenticata»

Terrorismo, le famiglie delle vittime ancora aspettano la legge «dimenticata»

Nelle stragi di Stato e negli attentati degli anni di piombo hanno perso figli, mogli, mariti, amici, Oppure il hanno visti restare disabili, incapaci di lavorare, segnati per sempre. Era il 1969 e la bomba in piazza Fontana a Milano inaugurava gli anni del terrorismo. Oggi, a più di 40 anni, i famigliari delle vittime e i superstiti, sono ancora costretti in prima linea per il riconoscimento dei loro diritti. A pochi giorni dal 31° anniversario della strage di Bologna (2 agosto), l’Unione vittime per stragi e l’associazione italiana vittime del terrorismo e dell’eversione contro l’ordinamento costituzionale dello Stato (Aiviter), dicono basta alla retorica dei «siamo con voi» o «l’Italia non dimentica». UNA LEGGE DIMENTICATA Perché l’Italia non solo dimentica ma spesso non sa, e la politica nel processo di copertura ci mette il Apri l’allegato pdf per continuare a leggere il contenuto