sabato , 23 settembre 2017
Ultime News
Home » Archivio per il tag: risarcimenti

Archivio per il tag: risarcimenti

Lettera Iosa N°83 – 23/02/1982

Egregio signor Iosa, faccio riferimento alla Sua lettera del 10 settembre 1981 con la quale mi ha segnalato che, pur avendo subito gravi lesioni agli arti inferiori a seguito di un attentato terroristico, non può essere ammesso a fruire del beneficio previsto dalla legge n. 466 del 1980, in quanto il grado di invalidità da Lei riportato è inferiore alla ... Continua a leggere »

20 settembre 1983 Lettera Iosa N°53 all’ on. Scalfaro

Oggetto: richiesta di emendamento della legge n.466 del 13/8/1980 Ill.mo on. Ministro, in data 1 aprile 1980 sono stato “gambizzato” dalle brigate rosse assieme ad altri tre amici in una sezione della D.C. di Milano, riportando gravi lesioni arteriose e nervose agli arti inferiori e rimanendo parzialmente invalido per tutta la vita. Ritengo che la legge 13/8/1980 n.466, emenda in ... Continua a leggere »

20-9-1984 Lettera Iosa N°49 all’on. Scalfaro

Stim.mo on. prof. Oscar L. Scalfaro Ministro per l’Interno Palazzo del Viminale Roma On. Ministro, come vittima del terrorismo gravemente ferito dalle brigate rosse nella sezione della D.C. di via Mottarone a Milano, Le trasmetto l’allegata lettera che contiene le mie amare riflessioni. Le trasmetto anche copia di una lettera che Le avevo inviato esattamente un anno fa, il 20 ... Continua a leggere »

Mio padre ucciso io disoccupato

Sono l’orfano del maresciallo dei carabinieri Valerio Renzi, caduto in conflitto a fuoco con un commando delle brigate rosse il 16 luglio 1982. Scrivo per una semplice ragione: sono stufo di essere preso in giro. Ho 44 anni, ho iniziato a lavorare a vent’anni e dal 2009, a causa di una ristrutturazione della Banca nella quale ero impiegato, sono disoccupato ... Continua a leggere »

Terrorismo, le famiglie delle vittime ancora aspettano la legge «dimenticata»

Nelle stragi di Stato e negli attentati degli anni di piombo hanno perso figli, mogli, mariti, amici, Oppure il hanno visti restare disabili, incapaci di lavorare, segnati per sempre. Era il 1969 e la bomba in piazza Fontana a Milano inaugurava gli anni del terrorismo. Oggi, a più di 40 anni, i famigliari delle vittime e i superstiti, sono ancora costretti ... Continua a leggere »

Terrorismo, la burocrazia dell’Inps blocca le pensioni delle vittime

Roma — Il povero Maurizio Puddu, presidente dell’associazione vittime del terrorismo, lo scorso 21 maggio è spirato a Torino senza averla mai vista la pensione che per legge spetta a chi subì sulla propria pelle la violenza degli anni di piombo. E come lui attendono 343 vedove, 260 gambizzati, 700 famigliari di persone uccide o ferite  dalle Brigate Rosse o ... Continua a leggere »

«Terrorismo e mafia, sì alla parità tra le vittime»

Vittime di mafia e terrorismo, si avvicina l’equiparazione. L’ha annunciato Palazzo Chigi in una nota: «La Presidenza del consiglio ha allo studio la possibilità di pervenire, fin dalla Finanziaria 2008, al riconoscimento del medesimo trattamento vitalizio previsto dalla legge per i parenti delle vittime del terrorismo anche ai parenti delle vittime della mafia e del… Apri l’allegato pdf per continuare a ... Continua a leggere »