sabato , 6 marzo 2021
Ultime News
Home » Archivio per il tag: corriere della sera (pagina 24)

Archivio per il tag: corriere della sera

«Avete ucciso mio figlio Valerio trent’anni dopo ditemi il perché»

I morti degli anni Settanta (e dei primissimi Ottanta), quelli legati alla violenza politica degenerata e portata alle estreme conseguenze, sono di diversi tipi. Ci sono, tra i tanti, quelli cercati e voluti, quelli casuali, quelli sbagliati; c’erano obiettivi specifici da colpire, altri presi in mezzo solo perché capitati nel posto sbagliato al momento sbagliato, altri ancora per un errore ... Continua a leggere »

«Estradizione per Battisti»
Presìdi e striscioni anti-Lula – La Moratti e Formigoni scrivono alle autorità brasiliane

Lettere, appelli, petizioni. E ben tre presidi di protesta. Tutti davanti al consolato brasiliano di corso Europa. Per chiedere la medesima cosa: che il governo sudamericano riveda la sua decisione e conceda l’estradizione di Cesare Battisti, Sdegno, rabbia, indignazione. Milano che si mobilita. La città di Alberto Torregiani, il figlio di una delle vittime del gruppo di fuoco dei Pac. ... Continua a leggere »

Ustica, assolti due generali: non dipistarono

Roma — Assolti. Venticinque anni dopo il disastro aereo che provocò la morte di 81 persone, i generali dell’Aeronautica escono indenni dal processo per la strage di Ustica «L’allora capo di Stato maggiore Lamberto Bartolucci e il suo vice Franco Ferri non depistarono le indagine, non commisero il reato di altro tradimento», affermano i giudici della corte d’assise d’appello di Roma. «Sentenza vergognosa», ... Continua a leggere »

E a mettere quella bomba per gli studenti furono le Br

Milano — «Compagni dai campi e dalle officine / prendere la falce e portate il martello… Le idee di rivolta non sono mai morte… Se c’è chi lo afferma sputategli addosso…». La prima inquadratura è sull’Università Statale di Milano, ieri pomeriggio. Un’affollata platea di barbe e capelli ormai bianchi ha appena finito di commuoversi sulla vecchia Contessa, colonna sonora del ’68 studentesco ... Continua a leggere »

I manuali dei licei e piazza Fontana Scompare il nome di Calabresi

Milano — Se il dovere della memoria si impara sui banchi di scuola, i manuali di storia non sempre sono buoni viatici. Su sette testi sul Novecento destinati ai diciottenni che devono arrivare alla maturità preparati anche sulla strage di Piazza Fontana, che il 12 dicembre 1969 segnò una svolta nella vita del nostro Paese, soltanto due parlano di Giuseppe Pinelli, ... Continua a leggere »

Il nemico da uccidere era anche mio padre

Sono andato a vedere La Prima Linea, il film di cui «tutti parlano e nessuno ancora ha visto». È uscito ieri nelle sale e tutti adesso lo potranno giudicare. Il mio non può essere un giudizio obiettivo: Sergio Sergio, il protagonista del film interpretato da Riccardo Scamarcio, il 19 marzo 1980 uccise mio papà, il giudice Guido Galli. Io avevo dodici anni. ... Continua a leggere »

Il nemico da uccidere era anche mio padre

Sono andato a vedere La Prima Linea, il film di cui «tutti parlano e nessuno ancora ha visto». È uscito ieri nelle sale e tutti adesso lo potranno giudicare. Il mio non può essere un giudizio obiettivo: Sergio Segio, il protagonista del film interpretato da Riccardo Scamarcio, il 19 marzo 1980 uccise mio papà, il giudice Guido Galli. Io avevo dodici anni. ... Continua a leggere »

«Come le Br ma diversi, stiamo attenti»

Roma — Le analisi consegnate dagli esperti dell’Antiterrorismo evidenziano le «incongruenze e le contraddizioni» contenute nel volantino, ma sottolineano comunque la necessità di tenere alta la vigilanza. Ed è su questo tasto che il ministro dell’Interno batte per ribadire che i proclami siglati dai Nat, i Nuclei di azione territoriale, — invitati negli ultimi giorni a numerose redazioni giornalistiche di Bologna e ... Continua a leggere »

In cella da Battisti, digiuno totale «Mai in Italia, è meglio morire»

Brasilia — Lo chiama il suo «atto estremo». La morte, piuttosto che la galera italiana, racconta ai brasiliani come l’anticamera dell’inferno. Cesare Battisti è smagrito, ma in buona forma, dopo 5 giorni di sciopero della fame. Elegante, in camicia e pantaloni bianchi stiratissimi, infradito ai piedi. Un ritocco vanitoso persino ai capelli, perfettamente scuri per i suoi 55 anni. Lo ... Continua a leggere »

Fabbriche e terrorismo Gli anni di piombo e Sesto

I vialoni che non finiscono mai. Come i cortei di quegli anni. L’«odore» del lavoro. Le facce, tutte uguali, degli operai. Cinquantamila, come in nessun posto al mondo. La loro Storia che per conoscerla ti bastava leggere i nomi delle vie. Per quella degli altri ci volevano le insegne delle fabbriche. Marx e Falck. Ercole Marelli e Antonio Gramsci. Le ... Continua a leggere »