sabato , 25 novembre 2017
Ultime News
Home » Archivio per il tag: Antonio Iosa

Archivio per il tag: Antonio Iosa

“Così fui processato e gambizzato dalle Brigate rosse il 1 aprile 1980”

Gazzetta-del-Mezzogiorno-31-03-2016

tratto dalla Gazzetta del Mezzogiorno – 31marzo 2016 di Dino de Cesare CASALNUOVO MONTEROTARO. Il primo aprile del 1980 fu gambizzato dalle Brigate rosse. A 36 anni di distanza Antonio Iosa, un casalnovese residente a Milano, si batte per vedere riconosciuti i diritti dei familiari delle vittime del terrorismo e dei feriti sopravvissuti. Iosa, che oggi ha 82 anni, fu «punito» con ... Continua a leggere »

IL TERRORISMO DI QUALSIASI MATRICE NON FU LOTTA ARMATA, MA LOTTA POLITICA CRIMINALE ED EVERSIONE CONTRO L’ORDINAMENTO COSTITUZIONALE DELLO STATO DEMOCRATICO

PARTE II IL TERRORISMO DI QUALSIASI MATRICE NON FU LOTTA ARMATA, MA LOTTA POLITICA CRIMINALE ED EVERSIONE CONTRO L’ORDINAMENTO COSTITUZIONALE DELLO STATO DEMOCRATICO 1 – NESSUNO TOCCHI CAINO, MA NESSUNO DIMENTICHI ABELE In Italia non è bastato il dolore delle vedove e dei feriti: c’è voluto anche quello dei figli delle vittime, ormai cresciuti, per ottenere attenzione e per dare ... Continua a leggere »

Lettera Iosa N°88 – gennaio 1986

La mia adesione alla costituzione del “Circolo Società Civile” nasce dalla convinzione di avere trovato, nel mondo culturale, un punto di riferimento che toglie dall’isolamento la stessa esperienza di un circolo culturale, come il Perini, che pur richiamandosi ai valori e agli ideali democratici scaturiti dalla Resistenza Antifascista ha sempre rivendicato “il primato della società civile” rispetto alle ideologie. Sono ... Continua a leggere »

Intervento al convegno di Torino del 5 aprile sul tema: lotta al terrorismo – ragioni e diritti

E’ in atto nella Chiesa italiana un grande sforzo di meditazione sul tema della Riconciliazione dell’uomo con Dio e con i propri simili. La comunità cristiana è chiamata a riappacificarsi con Dio e con il fratello offensore nello spirito del vero perdono; lasciando spazio alla misericordia di fronte alla prepotenza e all’ingiustizia. Per sapere perdonare bisogna essere miti di cuore ... Continua a leggere »

Lettera Iosa N°85 – 17 gennaio 1987

Si è tenuta a Milano il 17 gennaio 1987 presso la sede del Centro di Cultura “G. PUECHER” in via Pantano n. 17 una conferenza stampa sul tema “IL COMPORTAMENTO DELLO STATO DI FRONTE ALLE VITTIME DEL TERRORISMO” Alcuni rappresentanti delle vittime del terrorismo provenienti da diverse città italiane hanno illustrato la condizione umana delle “vittime” sopravvissute agli attentati e ... Continua a leggere »

Lettera Iosa N°84 – 27 marzo 1981

Caro Amico, è trascorso un anno dal vile, brutale ed inutile attentato terroristico di cui sono stato vittima lo scorso 1^ aprile assieme ad altri amici (Nadir Tedeschi, Eros Robbiani ed Emilio Del Buono) ad opera delle b.r. che fecero irruzione nella sede DC di via Mottarone. Sento il dovere di ringraziare tutti gli uomini democratici per la solidarietà politica ... Continua a leggere »

Lettera Iosa N°83 – 23/02/1982

Egregio signor Iosa, faccio riferimento alla Sua lettera del 10 settembre 1981 con la quale mi ha segnalato che, pur avendo subito gravi lesioni agli arti inferiori a seguito di un attentato terroristico, non può essere ammesso a fruire del beneficio previsto dalla legge n. 466 del 1980, in quanto il grado di invalidità da Lei riportato è inferiore alla ... Continua a leggere »

Lettera Iosa N°82 – 17/01/1987

Caro signor Antonio Josa, La ringrazio per avermi comunicato l’iniziativa del Circolo Perini per una riflessione su “Il comportamento dello Stato di fronte alle vittime del terrorismo”. Voglio esprimere la mia profonda vicinanza a quanti hanno sofferto nella propria persona e negli affetti più cari da una violenza cieca e assurda, il cui solo ricordo suscita sentimenti di dolore e ... Continua a leggere »

Accadeva 35 anni fa

Trentacinque anni fa la sera del 1° aprile 1980, presso la sezione “Luigi Perazzoli” della Democrazia Cristiana in via Mottarone, 5, nell’ex zona 20 di Milano, era in corso un dibattito pubblico tenuto dall’onorevole Nadir Tedeschi; niente faceva presagire cosa sarebbe successo alle 21,40 poco tempo dopo l’inizio dell’incontro politico. Improvvisamente nella sala ci fu l’irruzione di un gruppo di ... Continua a leggere »

Una giornata della memoria per tutte le vittime del terrorismo

Il 29^ anniversario dell’uccisione dell’onorevole Aldo Moro è occasione per ricordare tutte le vittime delle brigate rosse. Non si tratta, a questo punto, di assolvere i terroristi dai crimini commessi, né di piantare una propria bandiera su di un pezzo di storia per favorire, come succede spesso, una retorica di parte quando si celebra una “Giornata del ricordo”. Vogliamo precisare ... Continua a leggere »