domenica , 8 dicembre 2019
Ultime News
Home » Riflessioni » Solidarietà al Giudice Caselli che si è dimesso da Magistratura Democratica delle “Toghe rosse”, la magistratura “amica” alla quale si consegnavano i terroristi degli anni ’70!

Solidarietà al Giudice Caselli che si è dimesso da Magistratura Democratica delle “Toghe rosse”, la magistratura “amica” alla quale si consegnavano i terroristi degli anni ’70!

NO ALLA LEGITTIMAZIONE POLITICA E STORICA DEL TERRORISMO DEGLI ANNI DI
PIOMBO!!!!!!!

Solidarietà al Giudice Caselli che si è dimesso da Magistratura Democratica delle “Toghe rosse”, la magistratura “amica” alla quale si consegnavano i terroristi degli anni ’70!
Esprimo la mia solidarietà a Giancarlo Caselli, che bene ha fatto a dimettersi da Magistratura Democratica che, nel suo calendario del 2014, ha dato spazio ad una provocatoria ricostruzione storica dello scrittore Erri De Luca sugli anni di piombo. Si tratta di una lettura grottesca e caricaturale della lotta al terrorismo negli anni’70. Nel suo scritto sull’agenda 2014 delle “Toghe rosse” ( la storicamente famosa Magistratura “amica” alla quale si consegnavano i terroristi per ottenere sconti di pena), questo “cattivo maestro”, ex rivoluzionario del Servizio d’ordine di Lotta Continua, dà una legittimazione storica alla lotta armata del terrorismo, durante gli spietati anni’70. Il testo provocatorio accusa la magistratura di avere prodotto azioni micidiali e clamorose, ma senza futuro, imprigionando, per banda armata, migliaia di detenuti politici. La farneticante giustificazione della violenza politica e della lotta armata, che si legge nel testo di Erri De Luca, non può essere considerata un’opera letteraria di saggio politico, ma un’istigazione a delinquere, una provocazione tesa a giustificare l’illegalità, la violenza e la lotta armata di ieri e a fomentare la violenza dei gruppi antagonisti di oggi. E’ ampiamente documentato dalla continua “predicazione terroristica”, che questo scrittore continua anche oggi ad istigare i giovani a delinquere e a commettere violenze atti di sabotaggio, richiamandosi al suo passato rivoluzionario.
Personalmente ritengo risibile e ipocrita il forbito linguaggio del Comunicato Stampa emesso dall’esecutivo di Magistratura Democratica in data 6 novembre 2013, il cui testo trovate nel file allegato. Il brano provocatorio di Erri De Luca non significa dimostrare di avere la superiorità intellettuale dell’idea democratica e liberale di giustizia ancorata alla legalità, al contrario la pubblicazione del testo dello scrittore, altro non è che una squallida legittimazione e giustificazione storica del terrorismo. …Apri l’allegato pdf per continuare a leggere il contenuto