lunedì , 24 settembre 2018
Ultime News
Home » Articoli di giornale » Articoli vari » Sol dell’avvenire Bondi: mai più soldi a film offensivi

Sol dell’avvenire Bondi: mai più soldi a film offensivi

Visto, colpito e (forse) affondato. Il ministro dei Beni Culturali, Sandro Bondi, ci ha tenuto a far sapere che non aveva ancora visionato «Il sol dell’avvenire», film-documentario sul terrorismo rosso che verrà presentato al prossimo festival di Locarno. Ora che ha rimediato, Bondi può esprimere tutta la sua riprovazione, anzi «amarezza e sconcerto», perché secondo lui il film «dà voce esclusivamente ai protagonisti di un’ideologia criminale che tante sofferenze ha provocato alle famiglie, senza che dalle loro testimonianze emerga un solo segno di pentimento o almeno di consapevolezza critica delle proprie responsabilità». Insomma, la fiction «offende la memoria delle vittime». E siccome il film è stato finanziato dal suo ministero nel… Apri l’allegato pdf per continuare a leggere il contenuto