lunedì , 20 novembre 2017
Ultime News
Home » Pubblicazioni ante 2010 » “Qui Brigate Rosse”. Il racconto, le voci

“Qui Brigate Rosse”. Il racconto, le voci

“Qui Brigate Rosse”. Il racconto, le voci di Vincenzo Tessandori, Ed. Dalai Editore

Quando nel 1977, Vincenzo Tessandori, cronista della “Stampa”, scrisse “Br. Imputazione: banda armata”, il primo libro sul nucleo originario delle Brigate rosse, pareva una storia chiusa, era soltanto il prologo. Sopravvissuta agli arresti del gruppo storico, l’organizzazione clandestina si è sviluppata per lustri. I brigatisti rossi erano ormai nelle fabbriche, nelle università, nei quartieri disastrati di Roma, nei bassi napoletani, nell’inferno chimico di Porto Marghera. Avevano pianificato la guerra globale al sistema attraverso l’attacco al partito egemone, la Democrazia cristiana, e poi al suo nuovo grande alleato, il Pci, accusato di ammorbidire le richieste e la forza dirompente del proletariato. E furono i protagonisti del fatto più clamoroso accaduto negli anni della prima Repubblica: il sequestro Moro. Tessandori sceglie ora di fare la cronaca ravvicinata della “generazione brigatista”. Chi erano, come vivevano, agivano e pensavano i giovani invecchiati all’ombra di una rivoluzione impossibile? Attingendo alle sue personali esperienze, ai dialoghi con i protagonisti, allo studio dei documenti giudiziari e dell’organizzazione, ha cercato non di spiegare ma di calarci nella loro quotidianità, nella loro lucida follia, nella preparazione degli agguati, nei retroscena dei pentimenti, evitando le dietrologie e il gusto dei misteri, riducendo al minimo il suo giudizio ma lasciando parlare i fatti, anche dal versante delle vittime.