giovedì , 22 agosto 2019
Ultime News
Home » Notizie » Muore Francesca Dendena, Presidente dell’Associazione Famigliari della Strage di Piazza Fontana

Muore Francesca Dendena, Presidente dell’Associazione Famigliari della Strage di Piazza Fontana

In memoria di Francesca Dendena

Fra il generale cordoglio delle istituzioni, della stampa e dei notiziari televisivi lo scorso 6 ottobre 2010 è stata data notizia della dolorosa scomparsa di Francesca Dendena. Franca, Presidente Associazione Familiari della Strage di Piazza Fontana, fu una donna coraggiosa e combattiva affrontando per anni il suo male. Dall’età di 17 anni, ha dedicato la sua vita a lottare non solo per l’accertamento della verità, ma soprattutto aveva condotto la giusta battaglia, per quasi 41 anni, al fine ottenere giustizia per le 17 vittime cadute nella Strage di Piazza Fontana 12 dicembre 1969, tra cui suo padre Pietro. Franca ha partecipato a tutti i sette lunghi processi, compreso quello di Catanzaro, senza perdersi una udienza per una verità giudiziaria, che ha visto l’assoluzione finale dei neofascisti, anche quando si è raggiunta la certezza della loro colpevolezza e quindi non imputati,soltanto perché prosciolti in precedenti processi sbagliati. Franca era una testimone della storia del nostro Paese, di quel periodo tragico conosciuto sotto il nome di “strategia della tensione e degli opposti estremismi”. Franca era, altresì, consapevole del “dovere della Memoria” e andava tra i giovani delle scuole a raccontare la “verità storica sullo stragismo e le spinte eversive dei gruppi neofascisti. Erano gli anni tragici di forze eversive anticostituzionali e occulte che pilotavano golpe e stragi, in combutta con spezzoni dei Servizi Segreti deviati, che sognavano una repressione antidemocratica ed eversiva di destra.

Il padre Pietro Dendena aveva, infatti, trovato la morte al momento dello scoppio della bomba alla Banca Nazionale dell’Agricoltura di piazza Fontana, alle ore 16.37 di quel lontano e tragico 12 dicembre 1969.

A Franca va il nostro commosso e straziante saluto. Ai familiari la nostra vicinanza e quella di tanti amici.

I funerali si sono svolti l’ 8 ottobre, alle ore 10, nella chiesa di a Crespiatica; un paese agricolo della provincia di Lodi, gremita di folla che riempiva anche il piazzale antistante la chiesa. La gente proveniva da Milano e da tutta la Lombardia per rendere omaggio ad una donna, che ha lottato per la verità e la giustizia. Tutti si sono stretti attorno ai familiari in lacrime, che desiderano continuare la battaglia di Franca, per preservare la memoria e promuovere la conoscenza della nostra tormentata storia recente al fine di educare i giovani alla legalità, nel ricostruire la figura delle vittime.

Tutti noi di “Vi.Te.S”, accomunati nel comune ricordo di Franca, non dimenticheremo il suo esempio moltiplicheremo l’impegno e la testimonianza per “una memoria condivisa” di tutte le vittime di terrorismo e di strage.