mercoledì , 30 settembre 2020
Ultime News
Home » Pubblicazioni 2011 » “Lo Statista Francesco Cossiga Promemoria su un presidente eversivo”

“Lo Statista Francesco Cossiga Promemoria su un presidente eversivo”

Una stella incoronata di buio. Storia di una strage impunita

Che cos’è stato davvero Francesco Cossiga per la democrazia repubblicana? Perché, in vita e in morte, quelle nuvole di incenso di fronte a una biografia pubblica che con tanta evidenza non le legittimava? E perché quel “democratico pubblico plaudente” pronto ad assicurargli una sorta di zona franca nella vita politica e sulla stampa? E ancora: fu lo spirito libero per antonomasia o le sue picconate espressero la rivolta del potere e dei suoi misteri contro l’assurdo primato emergente delle leggi e della Costituzione? Questo pamphlet vigoroso, implacabile, racconta, attraverso la parabola di Cossiga, la debolezza delle virtù civiche e il conformismo mediatico entro cui scorre la vita del Paese. La nazione e il suo senso della legalità, e la storia faticosa e insanguinata che ne è scaturita. L’organizzazione vera dello Stato e del potere. Il senso delle istituzioni e il decoro civile. La nozione di “picconatore”, che trionfò non casualmente come medaglia d’oro nel necrologio collettivo il 18 agosto del 2010. Gladio e la P2. Il caso Moro. Le memorie personali che si fanno inquinamento e veleno, da dispensare senza fondo e senza controllo alcuni, soprattutto verso i morti. Tutto ciò e altro ancora costituisce lo sfondo di questo promemoria, steso – come dichiara l’autore “con l’intento di complicare la perenne ambizione del Potere di fare prima la storia e poi di scriverla”. La raccolta e la selezione del materiale di archivio sono opera di Ilaria Meli.