lunedì , 17 dicembre 2018
Ultime News
Home » Articoli di giornale » Articoli vari » La vanità dello scrittore No Tav perso nella notte della politica

La vanità dello scrittore No Tav perso nella notte della politica

Le rivolte inestirpabili sono il suo demone: ai tormenti e alle paure dei valsusini mancavano solo le parole di fuoco di Erri De Luca. Giorni fa, seduto sui gradini della Statale di Milano, lo scrittore ha così sentenziato:  «Essere incriminati di resistenza è una medaglia al valor civile, tutti dobbiamo essere incriminati di resistenza… Ogni volta che c’è un nuovo arrestato, si allarga l’albo dei resistenti. si entra a far parte di una comunità che dimostra di non lasciar passare l’insulto, l’infamia, l’oppressione, la violenza». In precedenza De Luca si era definito «un sabotatore» del cantiere per l’Alta Velocità in Val di Susa, spiegando che i…Apri l’allegato pdf per continuare a leggere il contenuto