domenica , 5 aprile 2020
Ultime News
Home » Riflessioni » La sconfitta delle BR e il neo-terrorismo

La sconfitta delle BR e il neo-terrorismo

Riflessione di Antonio Iosa – vittima del terrorismo
La sconfitta del nucleo storico e le neo brigate rosse

Il 12 febbraio 1982 segna l’inizio della fine della colonna milanese delle brigate rosse con l’arresto a Firenze di Michele Galli, che gestiva la base di via Cesare da Sesto a Milano e che rivelò i nomi di altri componenti brigatisti, che diventarono anch’essi collaboratori di giustizia:
Franco Grillo, Niccolò De Maria, Nicola Giancola, Ada Negrini, Ettorina Zaccheo, Antonio Marocco, Vittorio Alfieri e Bernardini Pacinelli.
Quest’ultimo, il 3 dicembre 1982, cadeva nelle mani degli investigatori e iniziava a collaborare, rivelando anche i rapporti esistenti con i “Nuclei Comunisti Combattenti” di Sergio Segio, in un confronto politico con il Partito della Guerriglia. Alla fine del 1983 tutti i militanti delle brigate rosse a livello nazionale e milanese erano stati arrestati. …Apri l’allegato pdf per continuare a leggere il contenuto