lunedì , 22 gennaio 2018
Ultime News
Home » Riflessioni » “Io credo nella speranza” TESTIMONIANZA UN IMPOSSIBILE PERCORSO DI GIUSTIZIA RIPARATIVA

“Io credo nella speranza” TESTIMONIANZA UN IMPOSSIBILE PERCORSO DI GIUSTIZIA RIPARATIVA

Premessa

Dialogo possibile per una “Riconciliazione nazionale” fra alcuni  famigliari di vittime ed ex terroristi rossi, rivisitando “gli anni di piombo”?

I tre autori della mediazione penale politicizzata, hanno scritto “il libro dell’incontro”, nella convinzione di avere cambiato  veramente la storia  degli anni di piombo.

Parlare di “Mediazione e di Giustizia riparativa” significa indicare una strada possibile per realizzare gli obiettivi di difesa sociale ai fenomeni di devianza, in risposta alle finalità di risocializzazione, che la Costituzione assegna alla pena.

Parlare di “mediazione politicizzata” significa riscrivere la storia degli anni di piombo fra alcuni famigliari di vittime del terrorismo ed ex terroristi per ritornare al contesto storico di quei tragici anni de “La Notte della Repubblica”, che resero possibile “la lotta armata”.

La mediazione, che fa uso politico della storia, a sproposito, favorisce posizioni estreme e faziose

Apri l’allegato pdf per continuare a leggere il contenuto