sabato , 23 settembre 2017
Ultime News
Home » Iniziative » Percorsi didattici » PROGETTO MEMORIA E VERITA’

PROGETTO MEMORIA E VERITA’






Questo sito non ha scopo di lucro.
Nulla e’ dovuto per la consultazione ed il prelevamento di documentazione.
Se questo sito vi sarà stato utile siete invitati esclusivamente a citare la fonte.

PROGETTO MEMORIA E VERITA’ 2008-2010

stragi e terrorismo:una dolorosa esperienza

Il Progetto Memoria e Verità è un’iniziativa nata dal desiderio di alcuni amici comaschi di ricordare pubblicamente la giovane famiglia Mauri-Bosio scomparsa tragicamente nella strage di Bologna del 2 agosto 1980.

Si è concretizzato in collaborazione con l’associazione “Memoria Condivisa” e “Auser. Università Popolare di Como” e con le associazioni di famigliari delle vittime di stragi e terrorismo (Bari, Bologna, Brescia e Milano).

Il progetto, nel suo sviluppo, ha previsto inizialmente l’ esecuzione di una cantata (Giorno d’ira), un convegno (Memoria e verità), testimonianze e lezioni nel corso dell’inverno e primavera (da gennaio a maggio 2009) e attività di ricerca da parte degli studenti delle scuole superiori pubbliche e paritarie della Provincia di Como.

I convegni, oltre alla presenza delle autorità locali e dei rappresentanti delle città maggiormente colpite dalle stragi, vedono l’intervento di testimoni, di storici e studiosi.

Gli interventi sono previsti di carattere molto ampio, in grado di delineare un orizzonte nuovo e un senso più profondo dei fatti, in cui collocare i singoli temi, e capace di innescare una più profonda opera di riflessione.

I relatori sono stati individuati tra gli specialisti nell’ambito della storia e della filosofia nonché del diritto sia per la loro sensibilità culturale che per il loro impegno civile e professionale; si avranno così riflessioni profonde e originali in un settore in buona parte rimosso dal dibattito pubblico, ma che richiede una grande sensibilità e accortezza per essere affrontato nella maniera più opportuna e rendere presente, soprattutto ai più giovani, un aspetto tragico della storia italiana, carico di una violenza che potrebbe riemergere in nuove forme negli anni futuri.

Perché Como

La scelta della città di Como quale luogo di concretizzazione del progetto deriva principalmente dal fatto che Carlo Mauri, Anna Bosio e il loro piccolo figlio Luca erano nati a Como. Inoltre, la città non è mai stata insensibile al ricordo dei tragici eventi legati alla strage di Bologna e, nonostante la discrezione con la quale le due famiglie coinvolte hanno mantenuto vivo il loro dolore, si è sempre dimostrata attenta e partecipe alle numerose occasioni che in quasi trent’anni dalla strage sono state organizzate (il concerto per decennale in piazza San Fedele, i film al Teatro Gloria, gli incontri nelle scuole ecc).

La Cantata

La cantata Giorno d’Ira (in prima esecuzione) è stata scritta per ricordare, attraverso le parole e la musica, tutte le vittime innocenti e inconsapevoli delle stragi e del terrorismo nel mondo. è suddivisa il 40 brani che riprendono, in forma poetica, i sentimenti delle vittime. Non è la cronaca di un attentato e neppure il racconto di una o più stragi; è l’immaginario pensiero di migliaia di vittime che continuamente si domandano perché tanto sangue e dolore, ma soprattutto si chiedono se il loro sacrificio sia stato necessario. Parole (per semplicità e asprezza) e musica (per scelta dei modi che stile compositivo) si rivolgono soprattutto ed un pubblico giovanile (gli strumenti sono: pianoforte, chitarre, violoncello e percussioni).
La scelta della Basilica di San Fedele in Como deriva dal simbolo che tale chiesa ha nella vicenda umana della famiglia Mauri: battezzati, sposati e – infine – salutati per l’ultima volta da numerosissimi comaschi.

COINVOLGIMENTO SCUOLE

Il progetto Memoria e verità si indirizza alle scuole superiori affinché gli studenti possano, attraverso un percorso di conoscenza e di verifica, conoscere l’importanza della storia recente e il dolore e l’angoscia vissuta da molti italiani (ma non solo) durante gli anni del terrorismo e delle stragi.

Adesioni al progetto

Il progetto – proprio perché indirizzato agli studenti – è stato perfezionato con la collaborazione dell’Ufficio Provinciale Scolastico di Como. Il Comune di Como – città messaggera di pace – ha aderito offendo il patrocinio e sostenendo l’iniziativa; così come la Provincia di Como dalla quale dipendono le strutture degli istituti superiori e dei licei.

Aderiscono:

Regione Lombardia, Diocesi di Como, Prefettura di Como, Comune di Cantù, Camera di Commercio di Como, Ufficio Scolastico Regionale, Politecnico di Milano Polo di Como, Università dell’Insubria Como Varese, Istituto di Storia contemporanea “Pier Amato Perretta” di Como, Associazione tra i familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980 Bologna, Fondazione Carlo Perini Milano, Associazione Casa della Memoria di Brescia.

Per la cantata: Teatro Sociale di Como, Autunno Musicale di Como, Basilica di San Fedele in Como, Coro Hildegard von Bingen.

Inserisci un commento