giovedì , 28 maggio 2020
Ultime News
Home » Articoli di giornale (pagina 43)

Articoli di giornale

Nuove Br, due arresti In cella Morlacchi jr Trovato cyber-manuale

Roma — Terrorista «figlio d’arte». Seguendo le orme del padre Pierino, uno dei capi storici delle Br, Manolo Morlacchi è stato arrestato ieri a Milano con l’accusa di banda armata denominata «Per il Comunismo Brigate Rosse», la sigla con la quale è stato rivendicato l’attentato alla caserma «Vannucci» di Livorno del settembre 2006. In carcere anche il suo amico Costantino Virgilio: entrambi lavorano ... Continua a leggere »

«Avete ucciso mio figlio Valerio trent’anni dopo ditemi il perché»

I morti degli anni Settanta (e dei primissimi Ottanta), quelli legati alla violenza politica degenerata e portata alle estreme conseguenze, sono di diversi tipi. Ci sono, tra i tanti, quelli cercati e voluti, quelli casuali, quelli sbagliati; c’erano obiettivi specifici da colpire, altri presi in mezzo solo perché capitati nel posto sbagliato al momento sbagliato, altri ancora per un errore ... Continua a leggere »

«Estradizione per Battisti»
Presìdi e striscioni anti-Lula – La Moratti e Formigoni scrivono alle autorità brasiliane

Lettere, appelli, petizioni. E ben tre presidi di protesta. Tutti davanti al consolato brasiliano di corso Europa. Per chiedere la medesima cosa: che il governo sudamericano riveda la sua decisione e conceda l’estradizione di Cesare Battisti, Sdegno, rabbia, indignazione. Milano che si mobilita. La città di Alberto Torregiani, il figlio di una delle vittime del gruppo di fuoco dei Pac. ... Continua a leggere »

Ustica, assolti due generali: non dipistarono

Roma — Assolti. Venticinque anni dopo il disastro aereo che provocò la morte di 81 persone, i generali dell’Aeronautica escono indenni dal processo per la strage di Ustica «L’allora capo di Stato maggiore Lamberto Bartolucci e il suo vice Franco Ferri non depistarono le indagine, non commisero il reato di altro tradimento», affermano i giudici della corte d’assise d’appello di Roma. «Sentenza vergognosa», ... Continua a leggere »

I manuali dei licei e piazza Fontana Scompare il nome di Calabresi

Milano — Se il dovere della memoria si impara sui banchi di scuola, i manuali di storia non sempre sono buoni viatici. Su sette testi sul Novecento destinati ai diciottenni che devono arrivare alla maturità preparati anche sulla strage di Piazza Fontana, che il 12 dicembre 1969 segnò una svolta nella vita del nostro Paese, soltanto due parlano di Giuseppe Pinelli, ... Continua a leggere »

E a mettere quella bomba per gli studenti furono le Br

Milano — «Compagni dai campi e dalle officine / prendere la falce e portate il martello… Le idee di rivolta non sono mai morte… Se c’è chi lo afferma sputategli addosso…». La prima inquadratura è sull’Università Statale di Milano, ieri pomeriggio. Un’affollata platea di barbe e capelli ormai bianchi ha appena finito di commuoversi sulla vecchia Contessa, colonna sonora del ’68 studentesco ... Continua a leggere »

Napolitano ricorda la strage di piazza Fontana All’Isola una Casa per le vittime del terrorismo – Una settimana di eventi per i 40 anni dell’attentato. Via al progetto per l’archivio della memoria

Parte oggi una settimana di appuntamenti «per non dimenticare» Piazza Fontana a 40 anni dalla strage con cui il 12 dicembre 1969 iniziarono gli anni di piombo. Questo è il calendario degli eventi e delle iniziative in programma. Oggi alle 12, in prefettura, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano incontrerà… Apri l’allegato pdf per continuare a leggere il contenuto Continua a leggere »

Il nemico da uccidere era anche mio padre

Sono andato a vedere La Prima Linea, il film di cui «tutti parlano e nessuno ancora ha visto». È uscito ieri nelle sale e tutti adesso lo potranno giudicare. Il mio non può essere un giudizio obiettivo: Sergio Sergio, il protagonista del film interpretato da Riccardo Scamarcio, il 19 marzo 1980 uccise mio papà, il giudice Guido Galli. Io avevo dodici anni. ... Continua a leggere »

Il nemico da uccidere era anche mio padre

Sono andato a vedere La Prima Linea, il film di cui «tutti parlano e nessuno ancora ha visto». È uscito ieri nelle sale e tutti adesso lo potranno giudicare. Il mio non può essere un giudizio obiettivo: Sergio Segio, il protagonista del film interpretato da Riccardo Scamarcio, il 19 marzo 1980 uccise mio papà, il giudice Guido Galli. Io avevo dodici anni. ... Continua a leggere »