martedì , 25 giugno 2019
Ultime News
Home » Articoli di giornale (pagina 40)

Articoli di giornale

Milano e gli anni del terrorismo

È stato pubblicato, dalla Fondazione Carlo Perini di Milano, “il libro – documento” do Antonio Iosa e di Giorgio Paolo Bazzega “Milano e gli anni del terrorismo – 1969/1984, ad un passo alla morte.” L’ opera percorre la storia della strategia della tensione e degli opposti estremisti sfociati nella follia del “Terrorismo” non solo nella nostra Milano, ma anche nel ... Continua a leggere »

La memoria menomata

Perché Paolo Bolognesi, presidente della associazione delle vittime della strage di Bologna del 2 agosto 1980, teneva tanto alla presenza anche quest’anno di un rappresentante del governo? Perché l’anniversario del 2 agosto, così come quello del 9 maggio, Giornata in memoria delle vittime del terrorismo che si celebra al Quirinale, sono le due occasioni annuali nelle quali le due principali ... Continua a leggere »

Bologna e i conti ancora aperti

Alcuni esponenti del Pdl hanno detto che quella del 2 agosto è ogni anno l’occasione, o meglio il pretesto, per contestare il governo, soprattutto se di centrodestra. Il ricordo della strage sarebbe quindi strumentalizzato. In parte è vero. Che cosa c’entrano le bandiere di Rifondazione Comunista con le vittime di quell’attentato? E perché l’anno scorso, tanto per fare un altro ... Continua a leggere »

Simone commuove l’italia – Il figlio di 2 anni di uno dei soldati morti: ciao papà

Simone Valente, due anni, ha in testa il basco del padre Roberto quando il C130 atterra a Roma portando i feretri dei sei parà uccisi a Kabul. È in braccio alla mamma, saluta con la manina e con la sua…Apri l’allegato pdf per continuare a leggere il contenuto Continua a leggere »

Trent’anni da Ustica verità vera, non verità politica

OGGI ricordiamo i trent’anni della Strage di Ustica, ovvero l’esplosione in volo del Bologna-Palermo del 27 giugno 1980, con 77 passeggeri e quattro uomini di equipaggio. Tutti morti. Fra poco più di un mese, il 2 agosto, l’analogo trentennale della Strage alla Stazione di Bologna: 85 morti, 200 feriti. Due terrificanti botti che hanno provocato morte, dolore, tragedie. Che hanno ... Continua a leggere »

Milano ricorda Tobagi «eroe della quotidianità»

C’è il 14 che passa in via Solari, esattamente come trent’anni fa l’8. C’è una donna che corre per raggiungerlo alla fermata del Rosario. La gente va di fretta, ciascuno con le sue cose. Clacson. In quella piccola strada laterale, via Salaino, ci sono due giovani operai ai piedi di una gru, davanti a un cantiere. Lavorano. Non è difficile ... Continua a leggere »

L’ultima lezione di Tobagi una memoria per l’Italia

Una memoria rivolta al futuro. È questo il senso della giornata di studio e ricordo, «Walter Tobagi – Una storia», che si è tenuta ieri a cura della Fondazione Corriere della Sera in onore del nostro collega ucciso trent’anni fa dai terroristi. In una sala Buzzati gremita oltre ogni ordine di posti, sotto la regia del vicedirettore Giangiacomo Schiavi, che ha ... Continua a leggere »

Caro Walter, quel giorno sei morto anche per noi

Caro Walter, oggi è il ricordo della memoria. Oggi ti ricordano la grande famiglia del «Corriere», i tuoi cari e i tuoi figli, Benedetta e Luca, che ci hanno fatto capire come la memoria — scevra da retorica celebrativa — sia innanzi tutto un atto di verità e amore. Siamo rimasti ormai in pochi, in via Solferino, fra coloro che ti hanno conosciuto ... Continua a leggere »

In nome di mio padre, idee e progetti No a uno sguardo rivolto al passato

La sua figura è stata un complesso intreccio di passione e impegno civili e professionali. I miei familiari e io non abbiamo mai nascosto né sminuito l’importanza delle sue idee politiche, della sua fede religiosa o della dedizione al suo mestiere. Talvolta le commemorazioni si sono concentrate su uno solo di questi aspetti. Mi pare che nessuno di questi elementi, ... Continua a leggere »

28 maggio 1980 Quel giorno Walter Tobagi assassinato la lezione del cronista che capì i nuovi barbari

Il cielo color piombo, che i troppi anni di soffocante assedio della violenza e del terrore. La mattina, nello stanzone a pian terreno della cronaca di Milano, scorreva regolare nei suoi riti: il caffè, la riunione, le chiacchiere sciolte. Eravamo in due o tre, non di più. Allora i giornali si facevano soprattutto di sera e di notte, le redazioni ... Continua a leggere »