venerdì , 24 novembre 2017
Ultime News
Home » Articoli di giornale » Articoli vittime (pagina 4)

Articoli vittime

Maurizio Puddu – Presidente dell’associazione vittime del terrorismo. Lottò per conservare la memoria degli anni di piombo

So che sto per andarmene. ?via non lascerò questa terra se prima non avrò raggiunto l’obiettivo per il quale ho speso gli ultimi 30 anni della mia vita”. Era la vigilia dello scorso Natale. A Maurizio Puddu, presidente dell’Associazione nazionale vittime del terrorismo, i medici avevano appena diagnosticato un tumore. Ma lui non aveva perso la voglia di scherzare. E ... Continua a leggere »

«Mio padre, ucciso dalle Br senza essere un eroe»

«Mio padre ha condotto quella che doveva essere una vita “normale”, non da eroe. Quindi è giusto che altre figure, come lui vittime del terrorismo, ma più impegnate, siano più ricordate». Le parole di Mario Mazzanti, 59 anni, dentista con l’hobby della settimana di thriller, hanno lo stesso tono della sua voce: pacato e lieve al punto da sorprendere. Suo ... Continua a leggere »

La figlia di Moro e l’ex brigatista L’abbraccio tra vittima e carnefice

Verona – Franco Bonisole faceva parte del gruppo di fuoco delle Brigate Rosse in via Fani, quel 16 marzo di 33 anni fa quando fu sequestrato Aldo Moro. È una delle persone che ha contribuito a rendere orfana Angnese, la figlia del presidente della Democrazia Cristiana poi ucciso il 9 maggio del 1978. Ieri questi due protagonisti su fronti opposti dell’episodio ... Continua a leggere »

Informazioni a Scajola sulle minacce a Biagi «Omicidio per omissione»

BOLOGNA – Si riapre, con modalità che potrebbero riservare sorprese, l’inchiesta sulla revoca della scorta a Marco Biagi,ucciso dalle Br invia Valdonica 14, sotto casa, il 19 marzo 2002. Tornano ad addensarsi interrogativi sul ruolo svolto dall’ex ministro dell’Interno Claudio Scajola e dai vertici delle istituzioni che avevano il compito di proteggere un servitore dello Stato. Ci sarà da verificare, ... Continua a leggere »

«Sacconi e Parisi ci chiesero la scorta quattro giorni prima che lo uccidessero»

Roma — «Il 15 marzo 2002, quattro giorni prima dell’omicidio di Marco Biagi, consegnai due lettere al ministro dell’Interno Claudio Scajola con le richieste dell’onorevole Maurizio Sacconi e del direttore generale di Confindustria Stefano Parisi perché fosse data la scorta al giuslavorista bolognese. Scajola mente quando dice che nessuno l’aveva informato contro il professore parla Luciano Zocchi, che di Scajola era il ... Continua a leggere »

«Anni di piombo, ferita che sanguina ancora»

«Agnese», «Franco». Tra loro si chiamano per nome, con una familiarità inedita, che colpisce. Lei è Agnese Moro, figlia dello statista ucciso dalle Br il 9 maggio 1978. ex brigatista con un ruolo ai vertici dell’organizzazione, partecipazione a varie azioni armate e condanne per un totale di quattro ergastoli e 105 anni di carcere. Destini incrociati: ferite aperte e un indicibile ... Continua a leggere »

Tognoli: bene Pisapia su Ramelli ma le distinzioni devono restate

E nella par condicio dei lutti, come si dice, a sinistra risponde uno squillo: a 24 ore dalla corona deposta per il 18enne di destra Sergio Ramelli, ucciso nel ’75, il sindaco Giuliano Pisapia ha partecipato ieri al ricordo di un altro giovane della parte opposta, Gaetano Amoroso, morto il 30 aprile dell’anno dopo per mano di militanti di destra. ... Continua a leggere »

Uno schiaffo alla stupidità

Ricordate la Kryptonite? Era un minerale di neutralizzare Superman. Ecco, la banana mangiata prima di battere un calcio d’angolo dal calciatore del Barcellona Daniel Avlves de Silva si è rivelata la Kryptonite del razzismo. Il lancio di banane verso giocatori di colore (Daniel è un brasiliano mulatto) è ormai entrato nel linguaggio internazionale della tifoseria più becera e razzista. Significa «Sei ... Continua a leggere »

L’artificiere indagato e i falsi misteri sul Caso Moro

Roma — Nel giugno scorso — 35 anni dopo i fatti — denunciò un nuovo, asserito mistero del caso Moro. Con una confessione apparentemente clamorosa: lui stessi, in qualità di artificiere, la mattina del magio 1978 scoprì il cadavere del presidente della Dc all’interno della Renault 4 rossa parcheggiata in via Caetani, dandone notizia al ministro Francesco Cossiga accorso sul luogo, un’ora ... Continua a leggere »

Un Sindaco di sinistra ricorda Ramelli il gesto di Pisapia che non va rovinato

Un gesto di buon senso, di quelli che la politica che conosciamo compie di rado. in fondo, un gesto semplice, pacificatore, di grande valore simbolico che potrebbe avere la forza di chiudere dopo decenni di polemiche e strumentalizzazioni uno dei tanti, dolorosi capitoli degli anni Settanta. Il sindaco di Milano Giuliano Pisapia, uomo di sinistra e alla guida di una ... Continua a leggere »