sabato , 24 febbraio 2018
Ultime News
Home » Articoli di giornale » Articoli vari (pagina 10)

Articoli vari

«Brescia, la verità fu ostacolata»

Brescia chiama Brindisi e Brindisi risponde. «Noi non abbiamo paura» si legge sulla maglietta di Martina Carpani, ragazza pugliese che si emoziona parlando a una piazza di settemila persone. Qui, in piazza della Loggia, dove il 28 maggio del 1974 per una bomba collocata nel cuore di una manifestazione sindacale morirono 8 persone e un centinaio rimasero ferite. Martina invita la ... Continua a leggere »

Nuove Br, lascia L’avvocato «Rinuncio per paura»

Milano — «Ritengo che la mia incolumità psicofisica di difensore d’ufficio del signor Alfredo Davanzo, unitariamente alla sua volontà di non avvalersi delle mie prestazioni professionali, siano valori di interesse superiore rispetto all’obbligatorietà della difesa d’ufficio». Ko tecnico alla prima ripresa: nel processo-bis d’Appello a 11 impulsati delle…Apri l’allegato pdf per continuare a leggere il contenuto Continua a leggere »

Non assimiliamo la protesta al terrorismo

Sarebbe auspicabile che quel po’ di giornalismo onesto che sopravvive nel conformismo generale non cedesse alla tentazione, ormai diffusa, di assimilare la protesta fiscale al terrorismo o, quanto pieno, di rappresentarla come fonte di deriva terroristica. Lo dico, innanzi tutto, al mio giornale; che certo non cede a tale tentazione, ma al quale tengo troppo per non preoccuparmi dell’eventualità che ... Continua a leggere »

«Studiato l’obiettivo I terroristi pronti a entrare in azione»

Roma — L’«inchiesta» dei terroristi per studiare le abitudini del prossimo obiettivo potrebbe essere già terminata con una «cellula» pronta a colpire. È questo il timore più forte che emerge dalla riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza convocato ieri al Viminale per affrontare l’emergenza eversiva dopo il ferimento dell’amministratore delegato da Ansaldo Nucleare Roberto Adinlfi avvenuto dieci giorni fa a ... Continua a leggere »

Calabresi e quei fantasmi di un mondo ormai sparito – Quarant’anni fa l’omicidio del commissario

Quarant’anni fa, in questo stesso giorno, veniva assassinato a Milano il commissario di polizia Luigi Calabresi. Lo sparo di via Cherubini è il primo delitto politico(a parte l’assassino del dirigente Fiat Erio Codecà, la cui matrice non fu mai definita con certezza) compiuto in italia dai tempi delle vendette partigiane nel triangolo della morte. È la scintilla che innesca quella mimesi ... Continua a leggere »

Nuovo piano antiterrorismo 400 obiettivi sotto protezione

Roma — Circa 400 nuovi obiettivi fissi da proteggere, almeno 1.500 soldati da redistribuire sul territorio. Al ministero dell’Interno di fanno i conti delle forze disponibili per sorvegliare le sedi e garantire la sicurezza delle personalità dopo il riferimento dell’amministratore delegato di «Asaldo Nucleare» Roberto Adinlfi. La lista dei possibili bersagli è stata riscritta ed è stato messo a punto un nuovo ... Continua a leggere »

Le nuove Br invocano le armi

Milano — Ma perché non ci fila nessuna in quella «classe operaia che non sta reagendo a un livello consono all’attacco» della crisi economica, e invece tutti discutono dei movimenti come No Tav e Occupy Wall Street? Altro che rivendicare il ferimento del manager dell’Ansaldo, Roberto Adinolfi: nell’aula dove a Milano dopo un annullamento in Cassazione ricomincia l’Appello a 11 membri delle ... Continua a leggere »

Rispunta lo slogan anni 70 «Né la Fai, né lo Stato»

Roma — C’è il commento di Ginetta, di tre sole righe: «Una cosa giusta: il sig. Adinolfi non si sarebbe mai interrogato in tutta la sua vita sui morti e le leucemie che provoca la sua gaia scienza». Come dire che un proiettile in una gamba ha forse prodotto questo risultato, per il resto analisi e prospettive degli attentatori non ... Continua a leggere »

«Terrorismo, c’è un clima pesante»

Genova — «C’è un clima teso e pesante nel Paese». L’amministratore delegato della Fiat Sergio Marchionne non lo nega. Al contrario, dice che quell’atmosfera di tensione «la sento immediatamente ogni volta che torno in Italia», quasi una percezione fisica che «si sente nell’aria». Risponde così, il numero uno del Lingotto (del Salone del libro di Torino), a chi gli chiede del clima che ... Continua a leggere »

Da Bakunin a Giuliani quel caos delle citazioni dopo gli attentati

La citazione più scontata è l’ultima. In epigrafe al comunicato che rivendica il ferimento dell’ingegner Roberto Adinolfi campeggia una frase di Michail Bakunin sul governo della scienza «disumano e crudele». Nominare in uno scritto anarchico il rivoluzionario e filosofo russo, padre dell’anarchismo moderno, equivale a parlare di Karl Marx in un simposio sul comunismo. Come se per il suo documento più ... Continua a leggere »