venerdì , 24 novembre 2017
Ultime News
Home » Articoli di giornale » Art ex terroristi (pagina 5)

Art ex terroristi

Cesare Battisti insulta Napolitano – L’ex terrorista: interrogatemi. Il Quirinale: deve espiare la pena

Roma — Si appella a Napolitano, Cesare Battisti, chiede di essere interrogato dalla giustizia italiana. Nonostante contro di lui ben due condanne all’ergastolo per quattro omicidi siano state confermate da due sentenze definitive dopo tre gradi di giudizio e per 30 anni — dopo l’evasione dal carcere nell’81 — non abbia mai sentito l’esigenza di ripresentarsi in patria per rendere la sua… Apri ... Continua a leggere »

E l’ex brigatista rivendica il «diritto all’oblio»

Roma — Ha fatto il brigatista rosso quando non aveva ancora vent’anni, dopo una precoce militanza nei gruppi che praticavano gli espropri proletari. A ventuno ha sparato alle gambe del segretario di una sezione democristiana della periferia romana, partecipato all’«inchiesta» su un obiettivo de colpire e ospitato qualche riunione del comitato esecutivo delle Br in casa dell’ignara nonna. Nel 1982, a ... Continua a leggere »

Caselli e il br rimesso in cella 38 anni dopo

Quando ha letto la prima volta quel nome tra le carte della polizia, Gian Carlo Caselli ha avuto un moto d’incredibilità: «No, non può essere lui». Ma poi ha controllato, quel signore «dalla corporatura magra e di altezza media, carnagione chiara ed età verosimile avanzata», ripreso il 3 luglio 2011 mentre «scaglia con violenza, in rapidità successione, quattro sassi di grosse ... Continua a leggere »

Undicimila uccisi dalla polizia nel Brasile del caso Battisti – Lezioni all’Italia che, ma le loro violazioni?

Da che pulpito! Nei solo Stati di Rio de Janeiro e San Paolo hanno contato in pochi anni 11.010 persone abbattute perché «facevano resistenza» all’arresto e i brasiliani rifiutavano di consegnarci Cesare Battisti per «il fondato timore di persecuzione per le sue idee politiche» come se l’Italia non rispettasse i diritti elementari? È meglio che Adriano Sabadin… Apri l’allegato pdf per ... Continua a leggere »

Il Pdl: «Nessun veto su Tettamanzi»

Il Pdl fa un passo indietro sull’Ambrogino a Tettamanzi, spiegando che le obiezioni sollevate nei giorni scorsi non erano sul nome e sull’operato del cardinale, ma sulle modalità della candidatura da parte del centrosinistra. Dopo l’intervento del vicepresidente della Camera Maurizio Lupi, che dalle pagine di un quotidiano nazionale aveva definito uno sbaglio il comportamento del suo partito e la ... Continua a leggere »

Ambrogino, il sindaco boccia D’Elia «C’è il mio veto sull’ex terrorista»

L’AMBROGINO D’ORO all’ex terrorista Sergio D’Elia? no, grazie. Il sindaco Giuliano Pisapia è pronto a porre il veto sulla proposta del radicale Marco Cappato di assegnare la civica benemerenza a D’Elia, un presente da segretario dell’associazione «Nessuno tocchi Caino», un passato da… Apri l’allegato pdf per continuare a leggere il contenuto Continua a leggere »

Pisapia dice no all’ex terrorista il Pdl fa retromarcia su Tettamanzi

C’È UN «veto», che viene posto con forza: quello di Giuliano Pisapia. Il sindaco ha assicurato che si opporrà all’eventuale decisione del consiglio comunale di assegnare l’Ambrogino a Sergio D’Elia, l’ex terrorista di Prima Linea oggi segretario dell’associazione Nessuno Tocchi Caino, proposto dai Radicali: «Milano può stare…Apri l’allegato pdf per continuare a leggere il contenuto Continua a leggere »

Scontro sull’Ambrogino a Sergio D’Elia. «È un ex terrorista»

Un Ambrogino per Sergio D’Elia (nella foto), ex parlamentare radicale e fondatore di Nessuno tocchi Caino. L’idea è di Marco Cappato, consigliere comunale della Lista Bonino. Un’idea destinata a sollevare polemiche. Perché D’Elia è stato un terrorista di Prima Linea, condannato a venticinque anni di reclusione perché riconosciuto come uno degli ideatori du…Apri l’allegato pdf per continuare a leggere il ... Continua a leggere »

Il maxiappalto e quello “scambio” con Battisti

“Purché sia un governo che governi”. Questa è la frase più ricorrente in questi giorni, nel palazzo di piazza Montegrappa. la sede di Finmeccanica a Roma. Segno che Silvio Berlusconi non regge giù il peso della politica estera, quella che più interessa al colosso industriale italiano, legato a doppio filo con gli affari internazionali, come per…Apri l’allegato pdf per continuare ... Continua a leggere »

Morucci sulla lotta armata: non ho rimorsi o rimpianti

Parigi — Valerio Morucci, il «postino» del sequestro Moro, l’uomo che partecipò alla strage di via Fani e telefonò, il 9 maggio del 1978, al professor Franco Tritto per spiegare dove andare a cercare la Renault 4 con il cadavere del presidente della Dc, su Le Monde dice di «Adorare Parigi» e di non provare «né rimpianti né rimorsi». Si definisce oggi un «democratico partecipativo ... Continua a leggere »