mercoledì , 19 dicembre 2018
Ultime News
Home » Articoli di giornale

Articoli di giornale

Rassegna Stampa Mostra “VI.TE – Milano e la Lombardia alla prova del terrorismo”.

12/ ottobre 2018 Alla presenza di un pubblico particolarmente  numeroso e commosso, nella mattinata del 12 ottobre presso la  Caserma di Polizia   Annarumma di Via Cagni 21 a Milano, si é svolta  l’inaugurazione  della Mostra Vi.Te. Milano e la Lombardia  alla prova  del terrorismo”. Agli interventi, tra gli altri,  del Questore di Milano  Marcello Cardona, del Dirigente  del Reparto ... Continua a leggere »

Rassegna stampa: scritte sui muri pro Brigate Rosse sotto casa di Antonio Iosa

Scarica il PDF della rassegna stampa I L GI O R N O – 2 7 S E T T EMB R E 2 0 1 8 Sesto, scritte sui muri pro Brigate Rosse sotto casa di Antonio Iosa: indaga la Procura. Gli investigatori stanno anche analizzando i filmati delle telecamere di sorveglianza, e poi deciderà quale reato ipotizzare. CORRIERE ... Continua a leggere »

Articolo Corriere della sera: Gli anni di piombo: dove sono oggi i terroristi?

di Giovanni Bianconi e Milena Gabanelli 6 maggio 2018 “Gli anni di piombo: dove sono oggi i terroristi?” Li hanno chiamati «anni di piombo» per via delle pallottole che fra il 1969 e il 1988 hanno ucciso 197 vittime di agguati terroristici e 38 caduti negli scontri catalogati come episodi di «violenza politica», intervallati dalle bombe… continua a leggere l’articolo ... Continua a leggere »

«Caro papà»: il figlio ricorda il maresciallo Di Cataldo, ucciso dalle Brigate Rosse nel 1978

sanvittore-kPeF-U433801036266824yzC-1224x916@Corriere-Web-Milano-593x443

Corriere della Sera – 25 ottobre 2017 – pagina 1 di cataldo, ucciso dalle br «Caro papà»: il figlio ricorda il maresciallo Di Cataldo, ucciso dalle Brigate Rosse nel 1978 Nei suoi 28 anni di servizio nel penitenziario milanese si prodigò per migliorare le condizioni sanitarie dei detenuti e, soprattutto, per dare loro la possibilità di svolgere un lavoro. E ... Continua a leggere »

La reazione di Antonio Iosa alla serata dell’ex brigatista al Magazzino Parallelo

download

Cesenatico, 24 luglio 2016 – Una delle vittime del terrorismo delle Br è di casa a Cesenatico. E’ Antonio Iosa, 83 anni, il quale è stato gambizzato dalle Brigate Rosse il 1° aprile 1980 ed ancora porta le conseguenze di quel giorno di follia da ‘anni di piombo’. In città lo conoscono in tanti e quando ha visto pubblicato sul ... Continua a leggere »

“Così fui processato e gambizzato dalle Brigate rosse il 1 aprile 1980”

Gazzetta-del-Mezzogiorno-31-03-2016

tratto dalla Gazzetta del Mezzogiorno – 31marzo 2016 di Dino de Cesare CASALNUOVO MONTEROTARO. Il primo aprile del 1980 fu gambizzato dalle Brigate rosse. A 36 anni di distanza Antonio Iosa, un casalnovese residente a Milano, si batte per vedere riconosciuti i diritti dei familiari delle vittime del terrorismo e dei feriti sopravvissuti. Iosa, che oggi ha 82 anni, fu «punito» con ... Continua a leggere »

Accadeva 35 anni fa

Trentacinque anni fa la sera del 1° aprile 1980, presso la sezione “Luigi Perazzoli” della Democrazia Cristiana in via Mottarone, 5, nell’ex zona 20 di Milano, era in corso un dibattito pubblico tenuto dall’onorevole Nadir Tedeschi; niente faceva presagire cosa sarebbe successo alle 21,40 poco tempo dopo l’inizio dell’incontro politico. Improvvisamente nella sala ci fu l’irruzione di un gruppo di ... Continua a leggere »

Una giornata della memoria per tutte le vittime del terrorismo

Il 29^ anniversario dell’uccisione dell’onorevole Aldo Moro è occasione per ricordare tutte le vittime delle brigate rosse. Non si tratta, a questo punto, di assolvere i terroristi dai crimini commessi, né di piantare una propria bandiera su di un pezzo di storia per favorire, come succede spesso, una retorica di parte quando si celebra una “Giornata del ricordo”. Vogliamo precisare ... Continua a leggere »

“Io, gambizzato, vi racconto la mia vita distrutta dalle Br”

«Di quella sera m’è rimasto il ricordo della pistola puntata alla tempia, il terrorista che dice “se reagite sarà una carneficina”, io che lo supplico di risparmiarmi (“ho moglie e figli”), lui mi spinge contro la parete: “Inginocchiati stronzo!”». Quanti anni sono passati dall’agguato delle Brigate Rosse di via Mottarone a Milano, quattro democristiani messi contro un muro e gambizzati ... Continua a leggere »