domenica , 22 luglio 2018
Ultime News
Home » Articoli di giornale » Articoli vari » Bologna e i conti ancora aperti

Bologna e i conti ancora aperti

Alcuni esponenti del Pdl hanno detto che quella del 2 agosto è ogni anno l’occasione, o meglio il pretesto, per contestare il governo, soprattutto se di centrodestra. Il ricordo della strage sarebbe quindi strumentalizzato. In parte è vero. Che cosa c’entrano le bandiere di Rifondazione Comunista con le vittime di quell’attentato? E perché l’anno scorso, tanto per fare un altro esempio, è stato silenziato dai fischi il ministero Bondi, del quale ovviamente tutto si può dire, ma certo che non sia un complice dei bombaroli? Insomma le argomentazioni degli assenti non sono campate per aria. Ma non bastano, a nostro parere, per rispondere a quella seconda domanda: perché a Bologna chiunque si presenti come… Apri l’allegato pdf per continuare a leggere il contenuto