sabato , 25 giugno 2016
Ultime News
Home » 2013 » marzo

Archivi mensili: marzo 2013

Fausto e Iaio, duplice omicidio con ombre

Milano, 18 marzo 1978, sabato sera. Al centro sociale Leoncavallo c’è un concerto blues, quello che ci vuole dopo una giornata al parco Lambro con gli amici. Fausto e Iaio pensavano che andasse così e invece no, a diciotto anni la loro vita finisce là, sul marciapiede di via Mancinelli, a colpi di pistola. Su quel duplice oscuro omicidio, di ... Continua a leggere »

«Giudici parziali». Ecco il dossier del Cavaliere

MILANO – La giudice del processo d’Appello sui diritti tv Mediaset, Alessandra Galli? I «tragici fatti di vita personali», cioè l’essere figlia del magistrato Guido, ucciso nel 1980 da Prima Linea, «certamente inficiano la serenità di giudizio» di chi «ha pesantemente criticato l’operato del governo Berlusconi» (per aver detto nel 2010 al ministro Alfano, nel «Giorno della Memoria delle vittime ... Continua a leggere »

Il giardino di piazza Prealpi dedicato a Lino Ghedini, vittima del terrorismo

I cittadini del quartiere hanno scoperto che è stata posta una targa di marmo presso il giardino di piazza Prealpi, dedicata al maresciallo di Pubblica Sicurezza Lino Ghedini, medaglia d’argento al Valore Civile. La cerimonia si è svolta nella mattinata di sabato 16 febbraio, alla presenza della signora Elisa Cozzi, moglie di Ghedini, dei figli Giacomo e Alberto, del vicesindaco ... Continua a leggere »

Spari tra i turisti in centro a Roma ucciso un rapinatore, è un ex Br – Assalto a un portavalori. Poi un altro agguato a colpi di pistola

Roma — La facciata della basilica di Santa Maria Maggiore è lì, a poche decine di metri. Ma i turisti le danno le spalle. In via Carlo Alberto, cuore dell’Esquilino, c’è altro da vedere. E da sentire. Un conflitto a fuoco a mezzogiorno e mezzo sulla strada trafficata. Raffiche di proiettili, grida, imprecazioni. Poi le sirene e le «gazzelle» dei carabinieri che ... Continua a leggere »

La banda degli opposti estremisti
Il comunista combattente con il «nero»

Roma — «Non conta più la provenienza ideologica, oggi è la capacità criminale che fa da aggregante, il cemento diventa la professionalità nell’illecito, l’esperienza conquistata sul campo…». Parole di Franco Ionta, procuratore aggiunto della Capitale, una vita a indagare sul terrorismo e poi gli ultimi tre anni passati al Dap, il Dipartimento per l’amministrazione penitenziaria. Parole adesso utili a spiegare…Apri ... Continua a leggere »