venerdì , 27 maggio 2016
Ultime News
Home » 2011 » aprile

Archivi mensili: aprile 2011

Borse di studio sugli anni di piombo «Mai più vittime»

Gli anni di piombo visti da chi non il ha vissuti. Gli studenti delle scuole superiori di Milano e provincia che provano a ragionare sulla stagione dell’ «odio politico», «quando a un giovane poteva capitare di morire per e sue idee». Tre borse di studio, finanziate dalla Provincia, alle tre migliori tesi sul tema: «1969-1980: Riflessioni sugli anni dell’odio. Mai più ... Continua a leggere »

Dagli irriducibili alle nuove leve, 69 ancora in cella

Roma — Sostiene il giudice che l’ha messo fuori dopo trent’anni e più di galera, che l’ex brigatista Vincenzo Guagliardo «ha svolto progressivamente e matura autocritica del proprio passato deviante, e pur non aderendo alla dissociazione formale dall’appartenenza al gruppo estremista ed eversivo, è parso comunque consapevole che è radicalmente cambiato il contesto socio-politico da cui la lotta armata ha avuto… Apri ... Continua a leggere »

Libero l’ex br che sparò al sindacalista Rossa

ROMA – Le altre volte gli avevano detto no. I giudici volevano che anche lui scrivesse ai parenti delle vittime delle sue gesta per chiedere perdono e dirsi rammaricato del dolore provocato. Ma Vincenzo Guagliardo, dirigente delle Brigate rosse fino al suo arresto nel dicembre 1980, il terrorista che sparò i primi colpi all’operaio sindacalista e comunista Guido Rossa assassinato ... Continua a leggere »

Piazza Fontana, primo set «Così rivivono gli anni 70»

MILANO — Tra pochi giorni, la notte del 13 maggio, piazza Fontana a Milano sarà di nuovo squassata dalle bombe, dal terrore, come se fosse il nebbioso pomeriggio di quel 12 dicembre 1969. Il milanese Marco Tullio Giordana, allora 17enne liceale del Berchet, inizia qui a girare, dopo una lunga preparazione, il film su quella strage che ha segnato un’epoca chiamandolo ... Continua a leggere »

1980, brigatisti in metrò uccidono Renato Briano

Anni di violenza, di odio, di terrore. Anni di lotte, di illusioni, di battaglie sindacali, di ombre e di fantasmi, di vittime innocenti, da non dimenticare mai. Anni di piombo. È il 12 novembre del 1980 quando Renato Briano, dirigente industriale, direttore del personale della Ercole Marelli di Sesto San Giovanni, prende posto in una delle carrozze della metropolitana della linea 1, ... Continua a leggere »

Io, ferito dalle Br, mi sento offeso da quel manifesto

Ha ragione il cardinale Dionigi Tettamanzi che ha predicato in Duomo a Milano: «Molti agiscono con ingiustizia, ma non vogliono che la giustizia giudichi le loro azioni». Si comprende allora il motivo per cui in Italia e,soprattutto a Milano, esiste una carica d’odio tale che si è espressa sui cartelloni elettorali «Fuori le Br dalle procure», che ho visto campeggiare, con ... Continua a leggere »

Moratti: o io o lui. E il candidato: mi dimetto

Milano — Alla fine, roberto Roberto Lassini si scusa e rinuncia alla candidatura nella lista del Pdl. Ed è proprio il suo riferimento politico, il senatore e coordinatore del Pdl lombardo Mario Mantovani, a dover chiedere il passo indietro all’avvocato che si è assunto la responsabilità dei manifesti anti-toghe. Anche perché ieri mattina Letizia Moratti ha alzato il tiro: «O io o ... Continua a leggere »

L’autore dei manifesti «Sono pentito Scuse a Napolitano»

Milano — «Dimissioni irrevocabili» dalle liste del Pdl. Più una letteratura di scuse al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano e alle vittime del terrorismo. Si conclude così la giornata più difficile dell’avvocato Roberto Lassini, il «patrocinatore» dei manifesti «Via le Br dalle procure», Candidato nelle liste del Pdl alle amministrative milanesi. Ma la vicenda è destinata ad avere un seguito; perché ci sono ... Continua a leggere »

Il Colle e i manifesti antitoghe: offesa alla memoria di chi non morì

Roma — Replica a freddo, Giorgio Napolitano, ma con parole tutt’altro che fredde. Definisce «un’ignobile provocazione il manifesto affisso nei giorni scorsi a Milano con la sigla di una cosiddetta “Associazione dalla parte della democrazia”», su cui campeggiava lo slogan «fuori le Br dalle Procure». Per lui«quel manifesto rappresenta innanzitutto un’intollerabile offesa alla memoria di tutte le vittime delle Br, magistrati e non». ... Continua a leggere »

Il sindaco Moratti scuote il Pdl: via l’autore di quei cartelloni

Milano — Ci stava già pensando ieri, quando ha intuito che qualcuno nel Pdl stava scegliendo scegliendo la linea morbida. Stamattina, a scanso di equivoci, ha preso carta e penna e ha scritto al coordinatore lombardo del Pdl, Mario Mantovani per chiedergli il passo indietro di Roberto Lassini, avvocato cinquantenne che si è assunto la «responsabilità politica» dei manifesti anti-giudici. Letizia ... Continua a leggere »