domenica , 21 ottobre 2018
Ultime News
Home » Notizie » 16 gennaio 2012, Comunicato: La nuova versione del sito www.casamemoriamilano.org

16 gennaio 2012, Comunicato: La nuova versione del sito www.casamemoriamilano.org

16 gennaio 2012

Agli utenti del Sito

La nuova versione del sito www.casamemoriamilano.org , grazie alla consulenza di un esperto informatico, si presenta ai suoi utenti non solo nella veste graficamente migliorata e resa più leggibile, ma risulta anche ben strutturata in due grandi filoni dell’Associazione VI.TES. Nella prima parte offriamo agli utenti una documentazione storica sullo stragismo in Italia, che colpiva alla cieca chi si trovava in un luogo sbagliato, al momento sbagliato dallo scoppio di una bomba. Il materiale raccolto, che appare sul sito, parte dalla Strage 12 Dicembre 1969 in piazza Fontana a Milano. Nella seconda parte si presenta la documentazione sul terrorismo eversivo di estrema destra e sul terrorismo rivoluzionario di estrema sinistra, che hanno commesso omicidi, scegliendo obiettivi mirati di persone condannate a morte, con la tecnica del killeraggio politico.

Entrambe la parti del sito sono corredate da una ricca mole di dati, di pannelli di mostre fotografiche, di riflessioni e interventi, che sono frutto del lavoro dei familiari delle vittime e dei feriti sopravvissuti. Sono emozioni forti di testimoni che hanno vissuto e continuano a vivere sulla propria pelle le tragiche conseguenze di un periodo storico di odio e di violenza politica. In verità i veri condannati all’ergastolo non sono stati i terroristi da molti tutti liberi, ma i familiari delle vittime e i feriti che, per la continuità della sofferenza fisica e della devastazione psicologica, vivono l’ergastolo del loro dolore quotidiano.

L’Associazione Familiari Strage del 12 Dicembre e l’Associazione Italiana Vittime del Terrorismo della Lombardia gestiscono congiuntamente e direttamente il nuovo sito denominato VI.TES On Line ” www.casamemoriamilano.org Il sito dì voce ai familiari dei caduti e ai feriti e loro familiari, come testimoniano le schede biografiche sulla figura di ciascuna vittima.

Il nostro sito non è un archivio”puro”, né un museo, né una biblioteca, né una ricerca storica, ma costituisce un embrione di laboratorio didattico per essere un punto di raccolta e di consultazione di varia natura per approfondire e divulgare iniziative e offrire conoscenza, rivolto prioritariamente agli studenti delle scuole superiori e universitarie. Mettiamo in evidenza la “centralità delle vittime”, che non erano simboli da abbattere per la loro funzioni, ma semplicemente uomini normali con idee e affetti, pregi e difetti, famiglia e lavoro. Erano cioè esempi di vita semplice, condotta di uomini comuni, che nulla fanno fatto per meritare di essere considerati eroi, ma che lo sono diventati eroi per la quotidianità dei loro comportamenti nel compiere il proprio di lavoro e di padri di famiglia.

Il nostro sito rappresenta la narrazione alternativa della storia sul terrorismo in Italia e dimostra, come le Associazioni Vittime del Terrorismo e di Stragi di tale matrice coltivano “la memoria collettiva dei loro cari” aperta al confronto, al dialogo e all’ascolto. Le stesse iniziative privilegiano la promozione di iniziative di formazione per gli studenti delle scuole e di educazione dei giovani alla legalità e alla non violenza. Il sito raccoglie le riflessioni delle Associazioni Vittime anche in occasioni delle Commemorazioni pubbliche istituzionali e delle Cerimonie degli Anniversari dei singoli caduti.

Fondamentale è la ricerca pubblicata sulla “Mappa della memoria delle Vittime di Terrorismo e di Stragi in Milano e in Lombardia”, che ha individuato percorsi didattici sui luoghi degli attentati stragisti e terroristici. Il sito nasce con la vocazione di offrire un servizio che dedica eguale attenzione al terrorismo, allo stragismo e agli eventi storici che hanno caratterizzato gli anni spietati della violenza. Per non dimenticare! Il sito è uno strumento utile e una fonte di notizie e dati che aiutano le nuove generazioni a conoscere la storia degli anni di piombo.

Vogliamo svolgere un umile e positivo servizio. Saremmo paghi se il nostro sito fosse visitato da moltissimi cittadini, che si schierano dalla parte delle vittime e della non violenza.

Nessuno tocchi Caino! Nessuno dimentichi, però, Abele!

Antonio Iosa