sabato , 24 febbraio 2018
Ultime News
Home » Notizie » Cerimonie ed anniversari » 11 settembre 2014 Ricorrenza della Strage delle Torri Gemelle

11 settembre 2014 Ricorrenza della Strage delle Torri Gemelle

CERIMONIA COMMEMORAZIONE 11 SETTEMBRE 2014 PER 13′ ANNIVERSARIO DELLA STRAGE ALLE TORRI GEMELLE DI NEW YORK

Non c’è speranza, senza memoria e le voci delle nostre testimonianze devono rafforzare l’ impegno del “dovere della memoria” di fronte alla cultura dell’odio, della violenza e del terrore. che provocano le tragedie di ieri e di oggi. La cerimonia di oggi si è svolta ai piedi del monumento dedicato “all’Uomo della Luce”, che rappresenta tutte le vittime del terrorismo italiane ed europee e che, in questa Largo dedicato all’11 Settembre, ci unisce ai circa 3000 caduti nella Strage alle Torri Gemelle di New Work, la più devastante strage terroristica di cittadini americani innocenti di origine di ben 90 paesi, fra i quali 274 portano il cognome di cittadini italo-americani. L’Associazione Italiana Vittime del Terrorismo, che svolge da decenni una collaborazione altre Associazioni di familiari di vittime del terrorismo a livello internazionale, ha partecipato alla commovente cerimonia per testimoniare la vicinanza e la condivisione della “memoria collettiva” per i caduti americani dell’11 Settembre del 2001. La memoria è il fondamento non solo della storia, ma della consapevolezza delle esperienze umane. Abbiamo voluto così ricordare la “normalità della vita quotidiana, di uomini liberi e comuni, lavoratori quotidiani e senza rilievo, che la tragedia terroristica ha reso vittime eroiche e simpatiche, il cui ricordo è da tramandare alle nuove generazioni di tutto il mondo, come lo testimonia il sacrario del “Grande Giro”, che reca sulle targhe tutte le vittime, per dare ad esse un nome e un cognome, come degna sepoltura a chi ha perso la vita. Dietro ad ogni caduto per l’infame strage terroristica ci sono storie da raccontare, vite spezzate da onorare, famiglie dolenti da assistere e con le quali condividere l’orrore e la sofferenza. Oggi tocchiamo sotto la pelle e nel nostro animo il significato del dolore universale e dell’impegno a contrastare il terrorismo e la violenza, laddove odio e fanatismo politico e religioso fanno scempio della vita umana. Siamo consapevoli che ogni uomo che nasce, lavora, si fa una famiglia e muore risulta utile alla società, come lo erano le vittime delle Torri Gemelle. Questi morti fanno, quindi, risplendere la gloria di un martirio di eroi della quotidianità. Siamo vicini al popola americano e alla Comunità milanese di loro cittadini rappresentati dalla presenza e dalla partecipazione del Console Americano a questa importante Cerimonia!

Apri l’allegato pdf per continuare a leggere il contenuto

Il coordinatore dell’Area Territoriale AIVITER Lombardia
Antonio Iosa